Poesia ed Arte alla Piccola Galleria

Prosegue alla Piccola Galleria Engel il ciclo d’appuntamenti d’INCONTRI in GALLERIA, in programma per Venerdì 25 alle ore 17.00 “Poeti allo Specchio” già arrivato al suo terzo incontro e che vede protagonista Renato Gérard insieme ai suoi “amici di penna” che discuteranno sulla poesia, prendendo spunto dalla lettura di brani propri o di altri autori.

Renato Gérard

La poesia salverà il mondo” di WALT WHITMAN (considerato uno dei  più grandi poeti americani) aprirà l’appuntamento di venerdì, una poesia che parla della bellezza della natura del mare e dei suoi animali, oggi sembrerebbe anacronistico parlare di poesia in questo momento, dove si passa dall’emergenza sanitaria a quella di una guerra strisciante e sempre più vicina, ma proprio la poesia ci aiuta alla riscoperta dei nostri sentimenti più profondi ed è grazie a loro che possiamo avere una più sana lettura di questi momenti difficili.

Dopo l’incontro di venerdì con i poeti e la poesia sabato 26 (sempre alle ore 17.00) ecco un doppio appuntamento con l’arte, avremo infatti l’apertura della mostra “Quadri di Famiglia” che propone fino al 10 aprile le opere che provengono dalle collezioni familiari, in questa mostra atipica potremo ammirare quadri di Del Pistoia, Giovanni Lazzerini, D’Arliano e molti altri artisti più o meno conosciuti, per un’esposizione che offre una visione intima dei quadri esposti nelle abitazioni delle persone.

Antonio Giovanni Mellone

Ad aprire la mostra l’interessante conferenza di Antonio Giovanni Mellone (giornalista e critico d’arte) che farà il punto sulle principali cause dell’attuale crisi attraversata dall’arte. In esame, verranno prese politica, economia e percezione del fenomeno artistico da parte della gente, degli stessi artisti e degli addetti ai lavori, ma sarà illustrata anche qualche proposta per future soluzioni.

Uno dei temi principali riguarderà l’approccio del grande pubblico, la gestione dei tesori d’arte e gli errori strategici e tattici commessi dalla politica nella disquisizione delle emergenze artistiche del nostro Paese come principali attrazioni turistiche. Un’attenzione particolare sarà rivolta alla critica degli attuali stilemi artistici, tra cui vizi e virtù della cosiddetta arte contemporanea. Sarà l’occasione per fare chiarezza su terminologie e definizioni tanto devianti quanto abusate, ad esempio: ha un senso l“arte contemporanea”? Ha senso la distinzione tra “contemporaneo e moderno”?

Inoltre nella conferenza/dibattito, si cercherà di stabilire chi sono e cosa vogliono gli artisti del mondo d’oggi, stimolando l’intervento di quelli presenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *